Celebrazione del Columbus Day, Columbus Day celebration

  • Author:
    n/a
  • Send To:
    ANCI (Associazione dei Comuni Italiani), ai presidenti delle regioni italiane e alle associazioni italoamericane coinvolte; Association of Italian Municipalities A.N.C.I.), to the presidents of the Italian regions, and to italian-americans associations
  • Sponsored By:
    Nativi Americani.it, Italian Blog on Native American People
  • More Info at:
THOGHTS ON THE COLUMBUS DAY CELEBRATION

Since 1937, every year in October, the Columbus Day parade takes place on 5th Avenue in New York. The celebration has been taking place every second Monday of October, since 1971, when the date was proclaimed U.S. National Holyday. As Christopher Columbus was the first Italian to reach the land now called America, lots of Italian immigrants and Italo-American citizens take part in the event as they consider it the Day of Italian Pride.
In the past few years, official delegations of some Italian Counties participated as well, and this year the Minister of Justice of the Italian Republic, Member of Parliament Clemente Mastella, went too.
It is universally known that the arrival of Columbus in the new world set off the beginning of a period of destruction and mourning that led to the genocide of millions of human beings and to the physical extinction of whole populations. Right from the beginning of the conquest, the intentions of Columbus and of those who blessed his feat were clear. After a fruitless search for wealth and large towns on the coast of the islands he visited during his first trip, Columbus went back to Spain, leaving behind a part of his men to guard the Hispanic Island. On this matter Columbus writes: I had a fort built left the necessary men(The indigenous people) are disarmed, they walk naked and are too shy; therefore those living in the fort can fearlessly . ravage the island, on condition that they respect the law and the government I gave them. The kind of government Columbus gave them is known from the original acts of the trial started against him by the Spanish Royals at the end of 1500, as recently discovered in a Spanish archive. The accusations and the testimonies of the time speak of bad government, denied justice, greediness, violence against Spanish and indigenous people. For all these charges Columbus was condemned. The pardon he received afterwards does not diminish the serious crimes he committed.

Columbus conviction did not modify the destiny of the American Indigenous People. A few years later, a Royal Law ordered that before starting hostilities against the indios, the conquistadores had to read them a declaration, the so-called requiremento, with which they were informed of the truths of the Christian religion and of the necessity to declare their submission to the Spanish Crown and loyalty to the Pope. If the indigenous people refused or did not reply, which was always the case, due to the fact they could not understand what was said to them in Spanish or in Latin, the declaration would continue as follows: I declare that, with the help of God, we shall enter into your country with all the necessary force, we shall fight against you in all ways and we shall submit you to the force and the obedience due to the Church and to the Crown. We shall take you, your wives, and your children and we shall make you slaves and, as such, we shall take you and we shall dispose of you according to the will of the Crown. And we shall take your belongings, we shall cause every possible offence and damage to those slaves that do not obey, refuse to receive orders from their master, resist or answer back. These kinds of threats were very easily carried out by the Spaniards who, used to these kind of practices in their land, did not apply any kind of limit to their treatment of the savages. Furthermore, well before the requiremento came into force, Columbus himself captured and kidnapped hundreds of indigenous men and women to bring them back to Spain as slaves and trophies.

It is not surprising that since 1992 (year in which the 5ooth anniversary of the discovery was celebrated), all over the American continent an indigenous movement of protest against the celebration of the Columbus Day has been expanding. The North American indigenous people in particular are strongly asking to transform this celebration that shamelessly celebrates the man that started the colonization and the conquest of their land. Common sense should be sufficient to understand the indelicacy of these celebrations, especially in view of the fact that the American Indians do not want to impose severe vetoes, but merely ask that this anniversary not be considered as a national holiday. They consider that a national holiday can be regarded as such only when it is shared among all citizens of a nation - and North American indigenous people are American citizens just as Italo-Americans are.

Notwithstanding the continuous protests of the descendants of the original inhabitants of North America, this year, on 7th and 8th October, the Columbus Day was again celebrated and several natives were arrested for disturbing the celebrations. And because this is, without doubt, an Italo-American celebration, it is to them that we, supporters of the natives requests, want to address this appeal.

We know that many Italo-American communities and organizations refuse the requests of the indigenous people, arguing that Columbus Day does not celebrate the conquest and the colonization but the courage, cleverness, and bravery shown by the Italians in the New World, values that should ideally be symbolised by the Genoese navigator.

We would simply like to bring the above to the Italo-Americans' attention, and to underline that the long Italian history has been illuminated by many personalities who much more appropriately shed lustre on our country and the Italian descendents who migrated to America.

We hope that Italians are willing to start evaluating the requests of the Native Americans differently, so that even this day can become a genuine occasion for Italian pride; a moment in which the universal values of historic justice and social equity towards a people already offended and persecuted are not ignored merely for the sake of being able to jump onto the winners' podium. Fortune has already been very generous to Columbus, who discovered America while looking for India. The fact that there is a national celebration in his name neither adds nor takes away anything from his merits as an explorer. It would be much more significant if five centuries later the descendants of the conqueror were to start to also recognise the rights of the conquered.

These are the reasons that lead us to support the requests of the American indigenous people and to join them in asking that Columbus Day be abolished as a national holiday in the United States of America.


Written in Cannara (Perugia) - Italy
October 9, 2007

Signed by the following Associations:

The Circle, Native American-Italian Support Network, Borgo San Lorenzo (FIRENZE) President Antonio Ventre
Soconas Incomindios, Torino President Naila Clerici
Hunkapi, Genova- President Sergio Bugolotti
Gaia Terra, Roma President Maurizio Rosace
Wanbli Gleska, Ravenna President Massimiliano Galanti
Kiwani, Firenze President Luisa Costalbano
AlterNATIVI, Roma President Vittorio Delle Fratte
Huka Hey, Pordenone President Auro Basilicт
Todos Juntos, Varese President Alessandra Marangon
Mount Graham Defense Project, Modena President Corrado Baccolini
Iktomee, Como President Giuliano Pozzi
NativiAmericani.it, Livorno Owner Alessandro Profeti

Traduzione in italiano (Italian language):

Dal 1937, tutti gli anni ad ottobre, sulla Quinta strada di New York, si svolge la parata del Columbus Day, una celebrazione che, a partire dal 1971, quando fu proclamata festa nazionale degli Stati Uniti, si celebra ogni secondo lunedм del mese di ottobre. Poichй Cristoforo Colombo fu il primo italiano a giungere in quella che и oggi chiamata America, levento и sentito in maniera particolare dagli immigrati italiani e dai cittadini statunitensi di origine italiana che, con lannuale parata, festeggiano quella che considerano la giornata dellorgoglio italiano. Da qualche anno ai festeggiamenti partecipano anche delegazioni ufficiali di regioni italiane e questanno ha partecipato anche il Ministro di Grazia e Giustizia della Repubblica Italiana On. Clemente Mastella. Come и universalmente noto, lo sbarco di Colombo nel Nuovo Mondo segnт linizio di unepoca di distruzioni e lutti che portт al genocidio di milioni di esseri umani e lestinzione fisica e culturale di interi popoli. Fin dai primi giorni della conquista fu chiaro lintendimento di Colombo e di coloro che benedissero la sua impresa.
Dopo avere inutilmente cercato segni di ricchezza e grandi cittа sulle coste delle isole che aveva esplorato durante il suo primo viaggio, Colombo fece ritorno in Spagna, lasciando perт una parte dei suoi uomini a presidiare lisola Hispaniola. Scrive in proposito Colombo: ivi feci eriger tosto una rocca lasciai gli uomini che sono necessari [Gli indigeni] son privi darmi, vanno nudi e son troppo timidi; perciт quelli che occupano la rocca solamente possono senzalcun pericolo saccheggiare lisola, purchй non vadano oltre la legge ed il governo che io diedi. Quale fosse il governo che Colombo diede a Hispaniola lo si и potuto leggere negli atti originali del processo intentato contro di lui dai sovrani di Spagna alla fine del 1500 e che recentemente sono stati rinvenuti in un archivio spagnolo. Latto di accusa e le testimonianze dellepoca parlano di malgoverno, giustizia negata, aviditа, violenze a spagnoli e agli indigeni. Per tutte queste imputazioni Colombo fu condannato. Il perdono che successivamente ottenne non attenua le gravissime colpe di cui si macchiт. La condanna di Colombo non modificт in nulla il destino dei popoli indigeni americani. Pochi anni piщ tardi una Legge Reale ordinт che, prima di intraprendere ostilitа contro gli indios i conquistadores dovevano leggere loro una dichiarazione, il cosiddetto requierimento, con cui li si informava della veritа della religione cristiana e della necessitа di dichiarare la loro sottomissione alla Corona di Spagna e fedeltа al Papa. Se gli indigeni rifiutavano o non rispondevano, cioи sempre, dato che non comprendevano quanto era loro detto in spagnolo o in latino, lintimazione continuava con questa formula: Dichiaro che, con laiuto di Dio, entreremo con tutte le forze nel vostro paese, combatteremo contro di voi in tutti i modi e vi sottometteremo al giogo ed allobbedienza dovuti alla Chiesa e alla Corona. Prenderemo voi, le vostre mogli ed i vostri bambini e vi renderemo schiavi e, in quanto tali, vi venderemo e disporremo di voi secondo il volere della Corona. E prenderemo ciт che possedete, vi arrecheremo ogni offesa e danno possibile come ai servi che non obbediscono, rifiutano di ricevere gli ordini del loro signore, gli oppongono resistenza e lo contraddicono. Niente di quanto era minacciato era piщ facile a farsi per gli spagnoli che, avvezzi a queste pratiche a casa propria, non si posero alcun limite con i selvaggi. Del resto, ben prima che il requierimento entrasse in vigore, Colombo stesso aveva catturato e rapito centinaia di uomini e donne indigene per portarli come schiavi e trofei in Spagna.
Non puт stupire quindi che, a partire dal 1992 (anno delle celebrazioni del cinquecentenario della scoperta), in tutte le Americhe si sia andato espandendo un movimento indigeno di protesta contro le celebrazioni del Columbus Day. Sono in particolare gli indigeni nord-americani che chiedono con forza di trasformare questa festa che, senza alcun pudore, celebra luomo che ha dato avvio alla colonizzazione e alla conquista della loro terra. Dovrebbe bastare il buon senso per capire lindelicatezza di tali festeggiamenti, tanto piщ che gli indiani damerica non pretendono di imporre drastici divieti, ma chiedono solo di non considerare piщ questa ricorrenza come festa nazionale. Essi considerano che un festa nazionale puт considerarsi tale solo quando и condivisa dallinsieme dei cittadini di una nazione, e gli indigeni nord-americani sono cittadini americani come lo sono gli italo-americani.
Nonostante le incessanti proteste dei discendenti degli abitanti originari del nord-america, anche questanno, il 7 e l 8 ottobre, il Columbus Day и stato celebrato e diversi indiani americani sono stati arrestati per avere disturbato i festeggiamenti. E poichй questa и, senza ombra di dubbio, la festa degli italo-americani и a loro che noi, sostenitori delle richieste degli indigeni nord-americani, intendiamo rivolgerci.
Noi sappiamo che moltissime comunitа ed organizzazioni di italo-americani respingono le richieste dei popoli indigeni asserendo che con il Columbus Day non si intendono festeggiare la conquista e la colonizzazione, ma il coraggio, lingegno e laudacia dimostrata dagli italiani nel Nuovo Mondo, valori che sarebbero simboleggiati idealmente dal navigatore genovese.
Noi ci limitiamo ad evidenziare agli italo-americani quanto piщ sopra brevemente accennato e facciamo notare che la lunga storia italiana и stata illuminata da molti personaggi che ben piщ appropriatamente che non Colombo danno lustro al nostro paese ed ai discendenti degli italiani emigrati nelle Americhe.
Ci auguriamo che i nostri connazionali vogliano cominciare a valutare diversamente le richieste dei Nativi Americani, affinchй anche questo giorno possa divenire una vera occasione di orgoglio italiano; un momento nel quale i valori universali di giustizia storica e di equitа sociale verso un popolo giа oltraggiato e perseguitato non siano ignorati al solo scopo di poter continuare a salire sul carro dei vincitori. La fortuna и giа stata molto generosa con Cristoforo Colombo, che scoprм le Americhe cercando le Indie, e che in suo onore ci sia anche una festa nazionale o no non aggiunge nй toglie nulla ai suoi meriti di scopritore. Tuttaltra valenza avrebbe, invece, il fatto che a distanza di cinque secoli i discendenti del conquistatore cominciassero a riconoscere anche i diritti dei discendenti dei popoli conquistati.
Sono queste le ragioni che ci inducono a sostenere le richieste degli indigeni americani e a chiedere insieme a loro che il Columbus Day sia abolito come festa nazionale degli Stati Uniti. - Fatto in Cannara (PG) il 9 ottobre 2007.
Per le Associazioni:

* Il Cerchio Coordinamento Nazionale di Sostegno ai Nativi Americani,
Borgo San Lorenzo (FI) Antonio Ventre

* Soconas Incomindios, Torino, Hunkapi, Genova
Naila Clerici, Sergio Bugolotti

* Gaia Terra, Roma, Wambli Gleska, Ravenna
Maurizio Rosace, Massimiliano Galanti

* Kiwani, Firenze, AlterNATIVI, Roma
Luisa Costalbano, Vittorio Delle Fratte

* Huka Hey, Pordenone, Progetto Todos Juntos, Varese
Auro Basilicт, Alessandra Marangon

* Coordinamento per il Monte Graham, Spilamberto (MO), Iktomee Castelmarte (CO)
Corrado Baccolini, Giuliano Pozzi

* Nativi Americani.it (LI)
Alessandro Profeti

638 Signatures

  • Fabrizio P
    • Comments; Commenti.
    • I think it's a due..
    • Country; Nazione
    • Italia
  • Sandro Z
    • Comments; Commenti.
    • troppo tempo che siamo qui a vergognarci di cristoforo colombo lo schiavista и ora di finirla! 1-10-100-100 feste dell'orgoglio ai Popoli Indiani Americani
    • Country; Nazione
    • Ferrara-italia
  • alberto
    • Country; Nazione
    • italiana
  • Giovanni S
    • Country; Nazione
    • Italy
  • MARINA P
    • Country; Nazione
    • Genova, Italy
  • anna maria b
    • Comments; Commenti.
    • con tutto l'amore possibile per gli indiani nativi
    • Country; Nazione
    • italia
  • maurizio d
    • Comments; Commenti.
    • gli indiani meritano di preservare le loro culture perche e un popolo che ha le sue credenze culture e tradizioni e son sempre stati minacciati dai conquistadores e loro hanno cercato d resistere ma in pochi si son salvati ogni popolo ha la a cultura questi hanno la loro e lasciamoli in pace
    • Country; Nazione
    • italia sardegna
  • francesca
    • Comments; Commenti.
    • la colonizzazione dell'america e ciт che ne и seguito, ritengo sia uno dei capitoli piщ vergognosi della storia dell'umanitа
    • Country; Nazione
    • Italia
  • Alessandro
    • Comments; Commenti.
    • nel rispetto dei nativi..no al culumbus day!
    • Country; Nazione
    • Italia
  • crosta gian f
    • Comments; Commenti.
    • il solo genocidio riuscito nella storia
    • Country; Nazione
    • italia
  • Angelo A
    • Country; Nazione
    • Italy
  • Nicolo'Chiara
    • Comments; Commenti.
    • tutta la mia solidarieta' ai Nativi ed il mio pieno appoggio
    • Country; Nazione
    • Italia
  • xenos
    • Comments; Commenti.
    • si puт provare solo disgusto per questo giorno
    • Country; Nazione
    • italia
  • Paolo S
    • Comments; Commenti.
    • Colombo cercava l'India!! Non c'и nulla da festeggiare
    • Country; Nazione
    • Italia
  • claudio c
    • Country; Nazione
    • italia
  • Fabrizio C
    • Country; Nazione
    • italia
  • Maurizio C
    • Country; Nazione
    • Italia
  • Marina C
    • Country; Nazione
    • ITALY
  • Germana S
    • Country; Nazione
    • Italia
  • Antonio C
    • Country; Nazione
    • Italia
  • loredana
    • Country; Nazione
    • italia
  • michele c
    • Comments; Commenti.
    • stop columbus day
    • Country; Nazione
    • italy
  • sabrina c
    • Comments; Commenti.
    • i love native american
    • Country; Nazione
    • italy Rome
  • Roberto M
    • Comments; Commenti.
    • Con profonda ammirazione solidarietа e stima
    • Country; Nazione
    • Italia
  • DAVID
    • Comments; Commenti.
    • HOKA HEY
    • Country; Nazione
    • ITALY
  • Patti
    • Country; Nazione
    • Italia
  • Miki
    • Country; Nazione
    • Italia
  • tony
    • Country; Nazione
    • italy
  • hanwi
    • Country; Nazione
    • italy
  • Andrea
    • Country; Nazione
    • Mиxico
  • Andrea F
    • Comments; Commenti.
    • Come si puт festeggiare un olocausto?
    • Country; Nazione
    • Mйxico
  • Davide S
    • Country; Nazione
    • Italy
  • daniele
    • Comments; Commenti.
    • era ora ke qualcuno metesse una petizione simile
    • Country; Nazione
    • italia
  • Alice M
    • Country; Nazione
    • Italy
  • sandra s
    • Country; Nazione
    • switzerland
  • Serenella
    • Country; Nazione
    • Svizzera
  • Iside
    • Country; Nazione
    • Svizzera
  • Sabrina B
    • Country; Nazione
    • Italy
  • Kelly J
    • Country; Nazione
    • USA
  • Lino T
    • Country; Nazione
    • Italy
  • Daniele C
    • Country; Nazione
    • Italy
  • Nicola R
    • Country; Nazione
    • italy
  • silvia
    • Country; Nazione
    • italy
  • Giuseppe I
    • Country; Nazione
    • Italia
  • Jacqueline Tarrien Hughes (Wabaksiikwe) O
    • Comments; Commenti.
    • Miigwech! Thank you for your effort to abolish this disgraceful holiday.
    • Country; Nazione
    • United States of America
  • claudio a
    • Country; Nazione
    • italy
  • Luca P
    • Comments; Commenti.
    • scandaloso
    • Country; Nazione
    • Milano) Lombardia) Padania
  • Alessandra B
    • Country; Nazione
    • Italy
  • arnaldo
    • Country; Nazione
    • italia
  • michael p
    • Country; Nazione
    • america